The official site v3.1

v3.1

 

Ho ricevuto un paio di mail da una ragazza di latina, che ora studia a Londra, e da un ragazzo di Parma.. approfitto naturalmente subito per ringraziarli soprattutto per la passione con cui mi seguono e per i complimenti.. etc etc.. detto questo, mi chiedevano cosa ne pensassi del ‘casino’ tutto italiano di questo periodo.. premetto che non amo particolarmente le invasioni di campo.. chi fa il musicista DEVE fare il musicista, chi fa il giornalista DEVE fare il giornalista, chi fa politica DEVE fare politica.. tornado al punto, ho naturalmente un mio pensiero.. ed è quello di molti immagino.. ci sono cose che NON si possono fare, o meglio, chi ricopre cariche pubbliche non può fare. Potrebbe apparire discriminatorio, ma in un grande paese come il nostro deve essere così! Sex **** and R’n’R non può essere un comportamento di chi ha l’onere/onore di rappresentarci.. chi vive nel mio ambiente sa benissimo che la musica, se accompagnata da buoni risultati, porta l’opportunità di...ehmm...diciamo distrarsi un po’.. ma noi non rappresentiamo nessuno, siamo ‘solo’ dei musicisti, e questo è bene che sia chiaro.. l’artista non deve farsi promotore di messaggi di rivoluzione, non deve elevarsi a guru del pensiero e fare chissà quali battaglie civili con il solo scopo di guadagnare visibilità.. chi fa musica ha un enorme potere, che è quello di scrivere ciò che vuole in 5 minuti di note e parole.. cari colleghi, famosi o meno.. fatelo!


d.c.

DIARY

V3.1

MENUCLAPPLAND.html